È nata Arca

Il nuovo gestore del servizio idrico integrato nella Provincia di Reggio Emilia.

Acqua, una risorsa preziosa

Presidiamo tutte le fasi del ciclo idrico, dalla captazione dell’acqua, alle successive fasi di potabilizzazione e distribuzione alle utenze, collettamento e trasporto delle acque reflue civili e industriali, nonché depurazione e rilascio in ambiente.

Per i clienti

La qualità del servizio e la soddisfazione dei clienti sono i pilastri che poniamo alla base nella gestione del servizio idrico.

Chi siamo

ARCA S.r.l. (Azienda Reggiana per la Cura dell’Acqua) dal 1°Gennaio 2024 è la società titolare della concessione del Servizio Idrico Integrato (SII) per la provincia di Reggio Emilia subentrando al precedente gestore IRETI S.p.A.

I nostri servizi

ARCA svolge la propria attività nell’ambito dei servizi pubblici a rilevanza economica, presidiando tutte le fasi del ciclo idrico, dalla captazione dell’acqua, alle successive fasi di potabilizzazione e distribuzione alle utenze, collettamento e trasporto delle acque reflue civili e industriali, nonché depurazione e rilascio in ambiente. 

icon

Sistema acquedottistico

ARCA gestisce una rete di acquedotto di 5.000 chilometri, distribuendo acqua potabile a 41 comuni della provincia di Reggio Emilia.

icon

Qualità dell’acqua

ARCA verifica i livelli di qualità dell’acqua erogata attraverso controlli puntuali effettuati dai propri laboratori di analisi e da parte delle autorità competenti.

icon

Fognatura

Il sistema fognario gestito da ARCA raccoglie le acque reflue del territorio servito per trasportarle agli impianti di depurazione.

icon

Depurazione

La depurazione è la fase finale del ciclo idrico integrato in cui l’acqua inquinata viene purificata e trasformata in una nuova risorsa idrica pura e sostenibile per l’ambiente.

inostri card decoration

I Comuni serviti

ARCA svolge la sua attività in 41 comuni della Provincia di Reggio Emilia (escluso il Comune di Toano), coprendo il fabbisogno di servizi idrici di circa 500.000 abitanti.

Sportelli

Distributori di acqua pubblica

Bibbiano
Bibbiano
Castelnovo ne' Monti
Castelnovo ne' Monti
Correggio
Correggio
Gualtieri
Gualtieri
Reggio Emilia
Reggio Emilia
Scandiano
Scandiano
Albinea
Albinea
Bagnolo in Piano
Bagnolo in Piano
Bibbiano
Bibbiano
Boretto
Boretto
Brescello
Brescello
Cadelbosco di Sopra
Cadelbosco di Sopra
Campagnola Emilia
Campagnola Emilia
Campegine
Campegine
Casalgrande
Casalgrande
Castellarano
Castellarano
Castelnovo di Sotto
Castelnovo di Sotto
Canossa
Canossa
Cavriago
Cavriago
Correggio
Correggio
Fabbrico
Fabbrico
Gattatico
Gattatico
Gualtieri
Gualtieri
Guastalla
Guastalla
Luzzara
Luzzara
Montecchio Emilia
Montecchio Emilia
Novellara
Novellara
Poviglio
Poviglio
Quattro Castella
Quattro Castella
Reggio Emilia
Reggio Emilia
Reggiolo
Reggiolo
Rio Saliceto
Rio Saliceto
Rolo
Rolo
Rubiera
Rubiera
San Martino in Rio
San Martino in Rio
Sant'Ilario d'Enza
Sant'Ilario d'Enza
Scandiano
Scandiano
Vezzano sul Crostolo
Vezzano sul Crostolo

Per i clienti

Il nostro obiettivo è offrire ai clienti un servizio efficace, efficiente e di elevata qualità, sia dal punto di vista della gestione tecnica degli impianti e della qualità dell'acqua erogata, che da quello del rapporto diretto con la clientela.

Comunicazioni

Castelnovo di Sotto - 11 July 2024

Lunedì 15 luglio 2024: al via i lavori per la ristrutturazione del reticolo fognario di Cogruzzo in comune di Castelnovo Sotto - Intervento da 1 milione 200mila euro integralmente finanziato con i fondi del pnrr

Lunedì 15 luglio avranno inizio i lavori per la ristrutturazione del reticolo fognario della frazione di Cogruzzo in comune di Castelnovo Sotto. L’intervento ha un costo complessivo di 1.220.000 euro, di cui circa 1 milione di euro per lavori, interamente finanziato con fondi derivanti dal bando PNRR, e dovrà essere ultimato e collaudato entro il 30 giugno 2025. La durata del cantiere sarà di circa 320 giorni, interessando le vie Canalino e San Leonardo, con possibili modifiche alla viabilità locale per consentire di eseguire i lavori in sicurezza. I cittadini saranno tempestivamente informati dello sviluppo delle attività.

I lavori, una volta completati, miglioreranno il sistema fognario riducendo la quantità di acqua pulita (irrigua o di scolo) che transita all’interno della rete, e quindi riducendo la possibilità di sversamenti nell’ambiente superficiale esterno.

 

Il progetto, presentato martedì sera alla cittadinanza in un incontro alla locale sala ANSPI dal sindaco Francesco Monica e dai tecnici di Ireti, prevede la separazione del reticolo fognario dalla rete di canali di bonifica, attraverso la realizzazione di circa 1.200 metri di nuove condotte di fognatura e di un nuovo manufatto scolmatore.

 

L’opera, funzionando a caduta, non prevede consumi di energia elettrica e consentirà un sensibile risparmio energetico in corrispondenza del depuratore, riducendo la quantità delle acque in ingresso all’impianto: la maggiore concentrazione del refluo in entrata sarà utile anche per il miglioramento della qualità dell’acqua depurata.

Gualtieri - 10 July 2024

Giovedì 11 luglio 2024 inaugurazione a santa vittoria di Gualtieri della nuova “casetta dell’acqua”

L’11 luglio verrà inaugurata la nuova casetta dell'acqua di Santa Vittoria di Gualtieri, ubicata sulla Strada Statale 63 vicino al civico 249.

 

Il distributore, secondo nel territorio comunale (il primo fu installato nel capoluogo nel 2019), è frutto della collaborazione tra l’Amministrazione Comunale di Gualtieri, ARCA e IREN ACQUA REGGIO, che, dall’inizio dell’anno, sono rispettivamente il nuovo gestore e gestore operativo del servizio idrico integrato nel reggiano.

 

ACQUAPUBBLICA, l'iniziativa dei Comuni e di ARCA per promuovere l'utilizzo dell'acqua distribuita dalla rete idrica, è arrivata al quarantaseiesimo impianto complessivo in provincia. L'acqua dell'acquedotto è di ottima qualità, viene prelevata da sorgenti o da falde profonde e protette, è buona, controllata, comoda, economica ed anche ecologica, in quanto contribuisce a ridurre i rifiuti plastici da avviare al riciclo o allo smaltimento.

 

Infatti, nel solo 2023, nel Comune di Gualtieri sono stati consumati 377.000 litri di acqua pubblica, consentendo di risparmiare oltre 251.000 bottiglie da 1,5 lt, corrispondenti a 9 tonnellate circa di PET, quasi 17 tonnellate di petrolio e 23 tonnellate di CO2 non emessa. Per farsi un’idea, a livello provinciale nel 2023, sono stati erogati oltre 16 milioni di litri d’acqua pubblica, per un risparmio di quasi 11 milioni di bottiglie, oltre 380 tonnellate di PET, 730 tonnellate di petrolio e 1000 tonnellate di CO2 non emesse.

 

La casetta è alimentata direttamente dall'acquedotto di Roncocesi ed ha un innovativo metodo di funzionamento, che permette maggiore igiene: è infatti previsto un tasto erogatore dell'acqua (cosiddetto "touch me”), premendo il quale l'acqua (anche refrigerata e gasata) viene erogata per un tempo prefissato (circa 30 secondi), e per una portata di 1,5 lt. Se viene prelevata con bottiglie di dimensioni inferiori, è sufficiente premere due volte lo stesso tasto e l'erogazione viene bloccata nel massimo rispetto del risparmio idrico. Con un’ulteriore pressione, l'erogatore rilascia nuovamente la quantità di 1,5 lt.

 

L’appuntamento è quindi fissato per le ore 10.00 di giovedì 11 luglio. Saranno presenti il Sindaco di Gualtieri Federico Carnevali, il vice Sindaco Eleonora Maestri e l’Amministratore delegato di Arca Elena D’Arrigo.

 

Al termine è in programma un brindisi tra i presenti con l’acqua della casetta.

I cittadini potranno prelevare l'acqua gratuitamente, tutti i giorni dalle ore 7,00 alle ore 22, ovviamente nel rispetto delle regole: massimo 6 bottiglie da un litro e mezzo di acqua alla volta; occorre mantenere pulizia e decoro dei luoghi e non sono ammessi comportamenti impropri (uso dell'acqua per usi igienici o abluzioni, docce, lavaggi ecc.), sanzionabili.

L’acqua prelevata va consumata nell’arco di 48 ore, e conservata in frigorifero, o comunque al riparo da luce e da fonti di calore; è consigliabile l'utilizzo di bottiglie di vetro, perché facilmente lavabili e riutilizzabili all’infinito. Nel caso si utilizzino contenitori in plastica, si consiglia di sostituirli frequentemente. A maggiore tutela igienica, si raccomanda di effettuare il rifornimento con bottiglie preventivamente risciacquate (non effettuare risciacquo presso il distributore).

Un buon uso della casetta dell'acqua è sicuramente un rimedio alla grande calura di questi giorni: tutti devono potere avere la possibilità di prelevare il proprio quantitativo nel rispetto del diritto altrui. Si raccomanda pertanto un utilizzo responsabile del distributore, rispettando la pulizia, i turni di prelievo ed evitando di abbandonare rifiuti.

 

Per informazioni o segnalazioni è sempre disponibile il NUMERO VERDE 800 977910

Castelnovo ne' Monti - 03 July 2024

Emergenza maltempo 24-25 giugno: bilancio attività dei tecnici di Iren Acqua Reggio 

In occasione dell’emergenza maltempo del 24-25 giugno scorsi, i tecnici di Iren Acqua Reggio sono stati impegnati nell’effettuazione di numerosi interventi urgenti sulla rete idrica che, a causa delle condizioni meteorologiche particolarmente avverse, aveva subito danni di varia gravità, in particolare nella zona dell’Appennino reggiano. 

 

I comuni nei quali si sono registrati i maggiori problemi, a causa della piena di rii e torrenti o di movimenti franosi, sono stati Carpineti (rottura delle tubazioni nelle località Via Molino Baroni e via Dorgola), Castelnovo Monti (rotture in via Gatta ed in via Campolungo), Vetto (rottura in via Castellina e problemi a un pozzetto acqua, che dovrà essere delocalizzato, in località Ca’ Giamarra), Canossa (dove l’esondazione del rio Fornace ha precluso l’accesso alla centrale idrica di Cerezzola) e, soprattutto, Vezzano sul Crostolo. In quest’ultimo Comune una decina di persona tra tecnici e squadre operative hanno lavorato per un giorno e mezzo per ripristinare la tubazione a servizio di Pecorile e di Sedrio, che si era rotta in più punti. Si è cercato di attenuare il disagio della popolazione tramite la distribuzione di un migliaio di litri d’acqua in sacchetti e l’intervento di un’autobotte.

 

Si sono verificati problemi anche a Ligonchio alla fognatura di Cinquecerri, dove la piena ha occluso il manufatto di accesso al depuratore, a Vetto, dove alcune frane hanno comportato danni al collettore fognario di Via Valle dei Cavalieri e all’impianto di sollevamento di Pineto e a Castelnovo Monti, dove la piena ha allagato l’impianto di depurazione di Cà Perizzi e ha danneggiato la sponda della fossa imhoff di via Gatta.

 

Anche la zona della Bassa Reggiana ha registrato allagamenti a Novellara in via Manfredi e a Rolo in via 2 Giugno. Dopo gli interventi di emergenza, Iren Acqua Reggio interverrà sugli scarichi degli scolmatori per risolvere il problema anche in futuro.

 

Da una prima ricognizione, effettuata su richiesta della Protezione Civile Regionale ai fini della proclamazione dello stato di emergenza nazionale, l’importo complessivo ipotizzato per la spesa di sistemazione dei manufatti danneggiati, tra opere eseguite in via d’urgenza e realizzazione di interventi strutturali, si aggira sui 750mila euro. 

Carpineti - 03 July 2024

Emergenza maltempo 24-25 giugno: bilancio attività dei tecnici di Iren Acqua Reggio 

In occasione dell’emergenza maltempo del 24-25 giugno scorsi, i tecnici di Iren Acqua Reggio sono stati impegnati nell’effettuazione di numerosi interventi urgenti sulla rete idrica che, a causa delle condizioni meteorologiche particolarmente avverse, aveva subito danni di varia gravità, in particolare nella zona dell’Appennino reggiano. 

 

I comuni nei quali si sono registrati i maggiori problemi, a causa della piena di rii e torrenti o di movimenti franosi, sono stati Carpineti (rottura delle tubazioni nelle località Via Molino Baroni e via Dorgola), Castelnovo Monti (rotture in via Gatta ed in via Campolungo), Vetto (rottura in via Castellina e problemi a un pozzetto acqua, che dovrà essere delocalizzato, in località Ca’ Giamarra), Canossa (dove l’esondazione del rio Fornace ha precluso l’accesso alla centrale idrica di Cerezzola) e, soprattutto, Vezzano sul Crostolo. In quest’ultimo Comune una decina di persona tra tecnici e squadre operative hanno lavorato per un giorno e mezzo per ripristinare la tubazione a servizio di Pecorile e di Sedrio, che si era rotta in più punti. Si è cercato di attenuare il disagio della popolazione tramite la distribuzione di un migliaio di litri d’acqua in sacchetti e l’intervento di un’autobotte.

 

Si sono verificati problemi anche a Ligonchio alla fognatura di Cinquecerri, dove la piena ha occluso il manufatto di accesso al depuratore, a Vetto, dove alcune frane hanno comportato danni al collettore fognario di Via Valle dei Cavalieri e all’impianto di sollevamento di Pineto e a Castelnovo Monti, dove la piena ha allagato l’impianto di depurazione di Cà Perizzi e ha danneggiato la sponda della fossa imhoff di via Gatta.

 

Anche la zona della Bassa Reggiana ha registrato allagamenti a Novellara in via Manfredi e a Rolo in via 2 Giugno. Dopo gli interventi di emergenza, Iren Acqua Reggio interverrà sugli scarichi degli scolmatori per risolvere il problema anche in futuro.

 

Da una prima ricognizione, effettuata su richiesta della Protezione Civile Regionale ai fini della proclamazione dello stato di emergenza nazionale, l’importo complessivo ipotizzato per la spesa di sistemazione dei manufatti danneggiati, tra opere eseguite in via d’urgenza e realizzazione di interventi strutturali, si aggira sui 750mila euro. 

Vezzano sul Crostolo - 03 July 2024

Emergenza maltempo 24-25 giugno: bilancio attività dei tecnici di Iren Acqua Reggio 

In occasione dell’emergenza maltempo del 24-25 giugno scorsi, i tecnici di Iren Acqua Reggio sono stati impegnati nell’effettuazione di numerosi interventi urgenti sulla rete idrica che, a causa delle condizioni meteorologiche particolarmente avverse, aveva subito danni di varia gravità, in particolare nella zona dell’Appennino reggiano. 

 

I comuni nei quali si sono registrati i maggiori problemi, a causa della piena di rii e torrenti o di movimenti franosi, sono stati Carpineti (rottura delle tubazioni nelle località Via Molino Baroni e via Dorgola), Castelnovo Monti (rotture in via Gatta ed in via Campolungo), Vetto (rottura in via Castellina e problemi a un pozzetto acqua, che dovrà essere delocalizzato, in località Ca’ Giamarra), Canossa (dove l’esondazione del rio Fornace ha precluso l’accesso alla centrale idrica di Cerezzola) e, soprattutto, Vezzano sul Crostolo. In quest’ultimo Comune una decina di persona tra tecnici e squadre operative hanno lavorato per un giorno e mezzo per ripristinare la tubazione a servizio di Pecorile e di Sedrio, che si era rotta in più punti. Si è cercato di attenuare il disagio della popolazione tramite la distribuzione di un migliaio di litri d’acqua in sacchetti e l’intervento di un’autobotte.

 

Si sono verificati problemi anche a Ligonchio alla fognatura di Cinquecerri, dove la piena ha occluso il manufatto di accesso al depuratore, a Vetto, dove alcune frane hanno comportato danni al collettore fognario di Via Valle dei Cavalieri e all’impianto di sollevamento di Pineto e a Castelnovo Monti, dove la piena ha allagato l’impianto di depurazione di Cà Perizzi e ha danneggiato la sponda della fossa imhoff di via Gatta.

 

Anche la zona della Bassa Reggiana ha registrato allagamenti a Novellara in via Manfredi e a Rolo in via 2 Giugno. Dopo gli interventi di emergenza, Iren Acqua Reggio interverrà sugli scarichi degli scolmatori per risolvere il problema anche in futuro.

 

Da una prima ricognizione, effettuata su richiesta della Protezione Civile Regionale ai fini della proclamazione dello stato di emergenza nazionale, l’importo complessivo ipotizzato per la spesa di sistemazione dei manufatti danneggiati, tra opere eseguite in via d’urgenza e realizzazione di interventi strutturali, si aggira sui 750mila euro. 

Reggio Emilia - 03 July 2024

Emergenza maltempo 24-25 giugno: bilancio attività dei tecnici di Iren Acqua Reggio 

In occasione dell’emergenza maltempo del 24-25 giugno scorsi, i tecnici di Iren Acqua Reggio sono stati impegnati nell’effettuazione di numerosi interventi urgenti sulla rete idrica che, a causa delle condizioni meteorologiche particolarmente avverse, aveva subito danni di varia gravità, in particolare nella zona dell’Appennino reggiano. 

 

I comuni nei quali si sono registrati i maggiori problemi, a causa della piena di rii e torrenti o di movimenti franosi, sono stati Carpineti (rottura delle tubazioni nelle località Via Molino Baroni e via Dorgola), Castelnovo Monti (rotture in via Gatta ed in via Campolungo), Vetto (rottura in via Castellina e problemi a un pozzetto acqua, che dovrà essere delocalizzato, in località Ca’ Giamarra), Canossa (dove l’esondazione del rio Fornace ha precluso l’accesso alla centrale idrica di Cerezzola) e, soprattutto, Vezzano sul Crostolo. In quest’ultimo Comune una decina di persona tra tecnici e squadre operative hanno lavorato per un giorno e mezzo per ripristinare la tubazione a servizio di Pecorile e di Sedrio, che si era rotta in più punti. Si è cercato di attenuare il disagio della popolazione tramite la distribuzione di un migliaio di litri d’acqua in sacchetti e l’intervento di un’autobotte.

 

Si sono verificati problemi anche a Ligonchio alla fognatura di Cinquecerri, dove la piena ha occluso il manufatto di accesso al depuratore, a Vetto, dove alcune frane hanno comportato danni al collettore fognario di Via Valle dei Cavalieri e all’impianto di sollevamento di Pineto e a Castelnovo Monti, dove la piena ha allagato l’impianto di depurazione di Cà Perizzi e ha danneggiato la sponda della fossa imhoff di via Gatta.

 

Anche la zona della Bassa Reggiana ha registrato allagamenti a Novellara in via Manfredi e a Rolo in via 2 Giugno. Dopo gli interventi di emergenza, Iren Acqua Reggio interverrà sugli scarichi degli scolmatori per risolvere il problema anche in futuro.

 

Da una prima ricognizione, effettuata su richiesta della Protezione Civile Regionale ai fini della proclamazione dello stato di emergenza nazionale, l’importo complessivo ipotizzato per la spesa di sistemazione dei manufatti danneggiati, tra opere eseguite in via d’urgenza e realizzazione di interventi strutturali, si aggira sui 750mila euro. 

Rolo - 03 July 2024

Emergenza maltempo 24-25 giugno: bilancio attività dei tecnici di Iren Acqua Reggio 

In occasione dell’emergenza maltempo del 24-25 giugno scorsi, i tecnici di Iren Acqua Reggio sono stati impegnati nell’effettuazione di numerosi interventi urgenti sulla rete idrica che, a causa delle condizioni meteorologiche particolarmente avverse, aveva subito danni di varia gravità, in particolare nella zona dell’Appennino reggiano. 

 

I comuni nei quali si sono registrati i maggiori problemi, a causa della piena di rii e torrenti o di movimenti franosi, sono stati Carpineti (rottura delle tubazioni nelle località Via Molino Baroni e via Dorgola), Castelnovo Monti (rotture in via Gatta ed in via Campolungo), Vetto (rottura in via Castellina e problemi a un pozzetto acqua, che dovrà essere delocalizzato, in località Ca’ Giamarra), Canossa (dove l’esondazione del rio Fornace ha precluso l’accesso alla centrale idrica di Cerezzola) e, soprattutto, Vezzano sul Crostolo. In quest’ultimo Comune una decina di persona tra tecnici e squadre operative hanno lavorato per un giorno e mezzo per ripristinare la tubazione a servizio di Pecorile e di Sedrio, che si era rotta in più punti. Si è cercato di attenuare il disagio della popolazione tramite la distribuzione di un migliaio di litri d’acqua in sacchetti e l’intervento di un’autobotte.

 

Si sono verificati problemi anche a Ligonchio alla fognatura di Cinquecerri, dove la piena ha occluso il manufatto di accesso al depuratore, a Vetto, dove alcune frane hanno comportato danni al collettore fognario di Via Valle dei Cavalieri e all’impianto di sollevamento di Pineto e a Castelnovo Monti, dove la piena ha allagato l’impianto di depurazione di Cà Perizzi e ha danneggiato la sponda della fossa imhoff di via Gatta.

 

Anche la zona della Bassa Reggiana ha registrato allagamenti a Novellara in via Manfredi e a Rolo in via 2 Giugno. Dopo gli interventi di emergenza, Iren Acqua Reggio interverrà sugli scarichi degli scolmatori per risolvere il problema anche in futuro.

 

Da una prima ricognizione, effettuata su richiesta della Protezione Civile Regionale ai fini della proclamazione dello stato di emergenza nazionale, l’importo complessivo ipotizzato per la spesa di sistemazione dei manufatti danneggiati, tra opere eseguite in via d’urgenza e realizzazione di interventi strutturali, si aggira sui 750mila euro. 

Reggio Emilia - 28 June 2024

Lavori programmati di manutenzione alla rete acquedottistica a servizio della Centrale Idrica di via Gorizia a Reggio Emilia

Martedì 2 luglio prossimo, dalle 9:00 alle 23:00 sono in programma lavori di manutenzione alla rete  acquedottistica principale a servizio della centrale idrica di via Gorizia a Reggio Emilia.

 

Vista la portata dell’adduttrice, non si esclude possano registrarsi cali di pressione ed episodi di leggera colorazione dell’acqua nel centro storico della  città (area all’interno di viale Timavo, viale dei Mille, viale Piave e viale Isonzo) e nei quartieri limitrofi (Ospizio, Rosta Nuova,  Mirabello, Buco del Signore, San Maurizio, San Pellegrino, Gattaglio, Santo Stefano, Carrozzone, Gardenia, Tondo, Tribunale, Reggiane e San Lazzaro).

inostri card decoration

L’App IrenYou
dedicata ai clienti

Inizia subito a usarla! Per farlo, dovrai effettuare una nuova registrazione utilizzando il tuo codice fiscale e il tuo codice contratto. Con IrenYou puoi:

 

  • consultare le bollette e richiederne la dematerializzazione;
  • inviare le autoletture;
  • gestire i tuoi recapiti;
  • aggiornare le modalità di pagamento;
  • avere tutto il mondo Iren a portata di tap;
  • avere sistemi di pagamento e Open Banking: IrenPay e IrenOpen.

 

Per maggiori informazioni visita questa pagina.